< Approfondimenti

MODELLO 730/2017: LE SCADENZE

MODELLO 730/2017: LE SCADENZE

 

Nello schema che segue si riepilogano i termini dell’assistenza fiscale previsti per l’anno 2017 e le attività da porre in essere da parte dei soggetti coinvolti negli adempimenti.

 

Attività

Termine

I sostituti d’imposta devono trasmettere all’Agenzia delle entrate i dati delle certificazioni dei redditi corrisposti, ritenute, addizionali operate, detrazioni e contributi (ad esempio CU, integrato con i carichi di famiglia, acconti relativi all’assistenza fiscale ripartiti, in caso di dichiarazione congiunta, tra dichiarante e coniuge, oneri detraibili riconosciuti dal datore di lavoro etc., alla certificazione lavoro autonomo occasionale, etc.).

Entro il 7 marzo 2017

I sostituti d’imposta consegnano ai contribuenti (lavoratori dipendenti, pensionati, titolari di redditi assimilati) la Certificazione Unica – Modello CU.

Entro il 31 marzo 2017

L’Amministrazione finanziaria rende disponibile telematicamente la dichiarazione precompilata ai titolari di redditi di lavoro dipendente e assimilati indicati agli articoli 49 e 50, comma 1, lettere a), c), c-bis), d), g), con esclusione delle indennità percepite dai membri del Parlamento europeo, i) e l), Tuir.

Dal 18 aprile 2017

Il contribuente potrà accettare, modificare e inviare all’Agenzia delle entrate la dichiarazione 730 precompilata direttamente tramite l’applicazione web e modificare il modello Redditi precompilato.

Dal 2 maggio 2017

Versamento di saldo e primo acconto per i contribuenti con 730 senza sostituto d’imposta.

Entro il 30 giugno 2017

Il contribuente presenta in modo autonomo il modello 730 precompilato all’Agenzia delle entrate direttamente tramite l’applicazione web o se l’intermediario ha già inoltrato almeno l’80% delle dichiarazioni ricevute o redatte.

Entro il 24 luglio 2017

Versamento con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse, di saldo e primo acconto per i contribuenti con 730 senza sostituto d’imposta.

Entro il 31 luglio 2017

Il contribuente presenta al proprio sostituto d’imposta, Caf o professionista abilitato la dichiarazione modello 730 e la busta contenente il modello 730-1 per la scelta della destinazione dell’8, 5 e 2 per mille dell’Irpef.

Riceve dal sostituto d’imposta, Caf o professionista abilitato copia della dichiarazione modello 730 e il prospetto di liquidazione modello 730-3.

Presenta telematicamente all’Agenzia delle entrate la dichiarazione modello 730 e il modello 730-1 per la scelta della destinazione dell’8, 5 e 2 per mille dell’Irpef. Nei giorni successivi alla presentazione del modello 730 riceve ricevuta telematica dell’avvenuta presentazione.

 

Il sostituto d’imposta:

  • rilascia ricevuta dell’avvenuta presentazione della dichiarazione e della busta da parte del contribuente;
  • trasmette telematicamente all’Agenzia delle entrate le dichiarazioni predisposte;

controlla la regolarità formale della dichiarazione presentata dai contribuenti, effettua il calcolo delle imposte, consegna al contribuente copia della dichiarazione modello 730 e il prospetto di liquidazione modello 730-3.

 


Il Caf o professionista abilitato:

  • rilascia ricevuta dell’avvenuta presentazione della dichiarazione e della busta da parte del contribuente;
  • trasmette telematicamente all’Agenzia delle entrate le dichiarazioni predisposte;
  • verifica la conformità dei dati esposti nella dichiarazione, effettua il calcolo delle imposte e consegna al contribuente copia della dichiarazione modello 730 e il prospetto di liquidazione modello 730-3.

Entro il 7 luglio 2017

 

Proroga al 24 luglio 2017 soltanto nel caso in cui, entro la scadenza naturale, i Caf e gli intermediari abilitati abbiano inviato almeno l’80% delle dichiarazioni a loro carico.